https://lh3.ggpht.com/nn0_2f2yehKR7fnMIZ0XrSWbC5Q0VPP7vNmLMV7ndNFinClynZRO4RBTGfbjVOs1fyA=w300        http://static.dnaindia.com/sites/default/files/2015/05/03/333140-facbook.jpg    

La Tenuta di San Silvestro

Valutazione attuale:  / 9
ScarsoOttimo 

Il real casino di san Silvestro sorge sulla collina di Montebriano, in un sito particolarmente ameno perché ricoperto da una fitta vegetazione boscosa, rinforzata da nuovi impianti. Il disegno si presenta planimetricamente come un impianto a c, ossia racchiude una corte rettangolare priva del lato verso mezzogiorno. La Reale Tenuta di San Silvestro faceva parte, insieme a San Leucio, al Parco Reale ed al Giardino all'Inglese delle "Reali Delizie" annesse alla Reggia di Caserta. Comprendeva 12 vani, sei destinati a cantina e alla vinificazione, gli altri preposti a stalle, fabbrica di latticini e pollai. L'ingresso avviene attraverso un androne che immette nella corte, abbellita da un giardino all'italiana. Dall'androne una scala di pietra, coperta da una volta a botte, conduce al piano superiore. Nel primo ripiano un occhio di luce strombato di forma ellittica guarda verso il bosco. Il casino ha subito molte trasformazioni durante il regno di Francesco I, che volle apportare vari abbellimenti. Il sito era adorno di giardini pensili, inoltre il bosco è ricco di luoghi d'interesse storico: tra questi, la pecoreria formata da un gruppo di capanne di paglia disposte a semicerchio, attualmente rifatte in muratura, per "deliziare i lanuti quadrupedi".La tenuta di S. Silvestro, così come gli altri siti reali, fu destinata ad attività agricole e venatorie sull'esempio delle nuove mode di vita agreste diffuse nelle altri corti europee. In questa area furono conservate, e in alcuni casi incrementate, le coltivazioni già esistenti come vigne, uliveti, frutteti, orti e giardini. Attualmente il bosco di San Silvestro è in consegna alla Soprintendenza BAPSAE di Caserta e Benevento e dal febbraio del 1993, divenuto un' oasi del WWF, è gestito dalla sezione di Caserta del WWF, tramite apposita convenzione.  Nel 2000 l'Oasi è stata  inserita nel S.I.C. (Siti di importanza Comunitaria). Dal 1994 è aperta al pubblico, che può visitarla, a pagamento, assistito da guide del WWF. 


Per informazioni e prenotazioni di visite guidate si può consultare il sito www.wwfcaserta.org/sansilvestro_indice. o contattare il  Centro visite al seguente numero: 0823-361300