https://lh3.ggpht.com/nn0_2f2yehKR7fnMIZ0XrSWbC5Q0VPP7vNmLMV7ndNFinClynZRO4RBTGfbjVOs1fyA=w300        http://static.dnaindia.com/sites/default/files/2015/05/03/333140-facbook.jpg    

Caffè Gambrinus

Valutazione attuale:  / 11
ScarsoOttimo 

Inaugurato ufficialmente nel 1890 è uno dei più antichi e celebri della città. Grazie all’architetto Antonio Curri che ne realizzò il disegno si trasformò in vera e propria Galleria d'Arte. Fu di Curri l'idea di aggiungere, alla dicitura di «Gran Caffè», la parola «Gambrinus»: che divenne infatti «Gran Caffè Gambrinus», in onore del re germanico probabile inventore della birra. Grazie alla sua posizione a centro città fu frequentato nei secoli da numerosi artisti, politici, scrittori e giornalisti, tra cui Enrico De Nicola, Paolo Ricci, Salvatore Di Giacomo e Gabriele d’Annunzio che proprio a un tavolo del Gambrinus trovò l’ispirazione per scrivere il testo della nota canzone napoletana “A vucchella”.