https://lh3.ggpht.com/nn0_2f2yehKR7fnMIZ0XrSWbC5Q0VPP7vNmLMV7ndNFinClynZRO4RBTGfbjVOs1fyA=w300        http://static.dnaindia.com/sites/default/files/2015/05/03/333140-facbook.jpg    

Museo Nazionale di Capodimonte

Valutazione attuale:  / 10
ScarsoOttimo 

Fu costruito per volontà di Carlo di Borbone sulla collina di Capodimonte al fine di ospitare le collezioni d’arte donategli dalla madre Elisabetta Farnese. Giovanni Antonio Medrano ed Antonio Canevari furono incaricati di realizzare il palazzo nel 1738, la costruzione terminò solo tra il 1834 ed il 1838. Per la sistemazione del parco fu chiamato dal 1742 al 1743 Ferdinando Sanfelice, costituito da cinque grandi viali che si diramano a raggiera. Il Palazzo agli inizi dell’800 e fino all’arrivo dei Savoia nel 1861 era stato utilizzato esclusivamente come residenza di corte, dopo l’Unità, quando venne abitato dai Duchi d’Aosta, il ‘piano nobile’ fu adibito alla sistemazione di Museo. Il Museo è disposto su tre piani, al primo piano si trova la collezione Farnese e l’appartamento storico, al secondo piano invece la Galleria della pittura a Napoli dal XIII al XIX secolo ed infine al terzo la collezione di arte Contemporanea. All’interno del parco, l’edificio che ospitava la rinomata Fabbrica di Porcellane, istituita nel 1739 da Carlo di Borbone, ospita oggi un Istituto professionale per l’Industria della Ceramica e della Porcellana. Nel 1980 a causa del terremoto il Museo fu chiuso per diversi anni, per riaprire le sale del primo piano solo nel 1995, quelle del secondo nel 1999. Il Bosco di Capodimonte: Quattro sovrani borbonici, da Carlo III a Ferdinando II, due napoleonici Giuseppe Bonaparte e Gioacchino Murat, una dozzina di architetti, tra i quali Fuga, Sanfelice e Niccolini, botanici come Fioretti, Gussone, Dehnhard, e più di un secolo per portare a compimento il palazzo e il bosco di Capodimonte, espressione dell’ambizioso programma di Carlo di Borbone di dotare il regno d’un sistema di palazzi che potesse esprimere la  sua magnificenza. Cercando un posto adeguato per la Reale Magnificenza, Capodimonte fu  scelto perché da sempre considerato il luogo più nobile della città per la sua posizione salubre e per la sua visibilità e nello stesso tempo luogo dominante l’intero golfo, luogo alla moda perché popolato da ville aristocratiche, luogo idoneo perché sacro nell’antichità e pertanto degno di accogliere la residenza ed il diporto di una stirpe reale. Il complesso architettonico–botanico-museale di Capodimonte, oltre ad essere il parco storico  più grande della città, è uno dei più importanti del mondo. I lavori cominciarono nel 1736, scenografie naturalistiche, statue, fontane ed abbellimenti, insieme a giardini murati non potevano mancare in un bosco reale, ma la sua essenza era comunque legata alla caccia. Quanto alla costruzione della villa  l’incarico fu dato all’ingegnere del regno Antonio Medrano. I lavori iniziarono il 10 settembre del 1738, ma appena pochi mesi e si decise  un cambiamento, da villa a palazzo reale ed in seguito a museo per ospitare la collezione Farnese ereditata da Carlo III, figlio di Elisabetta Farnese. Un rilevante impulso ai lavori  venne dal decennio francese. Giuseppe Bonaparte e Gioacchino Murat decisero di abitare nella Reggia, spostando la collezione nel palazzo dei Regi Studi, attuale Museo Archeologico. Si innalzò un muro di cinta e furono aperte due porte: la Porta Grande sulla strada per i Ponti Rossi, la Porta Piccola su quella per Miano. I lavori furono ultimati nel 1838 e la reggia acquistò la configurazione architettonica che oggi conserva.


Indirizzo: 
Via Miano 2

Orari:
Il Museo di Capodimonte è aperto tutti i giorni tranne il mercoledì dalle 8.30 alle 19.30. L’ultimo ingresso consentito è alle 18:30. 
Il museo è chiuso ogni mercoledì, il 1° gennaio e il 25 dicembre.
Le sale dedicate al barocco napoletano si aprono ogni giorno alle ore 10.00, 12.00, 15.00, 17.00
La sezione Ottocento privato è visitabile solo su appuntamento.

 
Biglietti:
€ 8 intero
€ 4 ridotto per visitatori di età compresa tra 18 e 24 anni

Gratuito:
per minori di anni 18
la prima domenica di ogni mese (per tutti)
 
Info:
tel.: 081 7499130
mail:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Come arrivare:

Autostrada:
prendere la tangenziale, uscita Capodimonte

 

Stazione Centrale:
Linea 1 Metropolitana, fermata Museo; proseguire con autobus*
Linea 2 Metropolitana, fermata Piazza Cavour; proseguire con autobus*

Centro della città:

autobus*: fermata in Piazza Museo (adiacenze Museo Archeologico Nazionale), linee:
168 e 178 (fermata Porta Piccola, via Miano);
C63 (fermata Porta Grande, via Capodimonte);
R4 (fermata Viale Colli Aminei, distante ca. 200 m da Porta Piccola)

Servizio navetta:
Shuttle Capodimonte

Il servizio prevede un biglietto unico Museo+Navetta, con corse ogni 50 minuti che partono da Piazza Triste e Trento/Teatro San Carlo, con fermate intermedie in Piazza Municipio, Piazza Dante, Museo Archeologico, Museo di Capodimonte.

Biglietti:
Shuttle andata e ritorno + ingresso al Museo di Capodimonte (validità giornaliera):
adulti 12 euro
dai 5 ai 25 anni 6 euro (si riferisce alla sola tariffa trasporto, l’ingresso al museo è gratuito)
bambini fino a 4 anni gratis

 

Solo shuttle:
andata + ritorno 8 euro (validità giornaliera)
solo andata o solo ritorno 5 euro
Per i napoletani è prevista una tariffa speciale andata/ritorno 3 euro

 

Il servizio è sospeso il mercoledì, giorno di chiusura del Museo di Capodimonte

Info:
City Sightseeing Napoli tel. 3357803812