https://lh3.ggpht.com/nn0_2f2yehKR7fnMIZ0XrSWbC5Q0VPP7vNmLMV7ndNFinClynZRO4RBTGfbjVOs1fyA=w300        http://static.dnaindia.com/sites/default/files/2015/05/03/333140-facbook.jpg    

Certosa di San Lorenzo (Padula)

Valutazione attuale:  / 10
ScarsoOttimo 

La certosa costruita nel 1306 per volere di Tommaso Sanseverino, conte di Marsico e signore del Vallo di Diano, per donarla ai certosini, fu realizzata rispettando le regole della vita religiosa e pratica dell’ordine. Era suddivisa, infatti, in una parte alta in cui alloggiavano i padri certosini, conducendovi vita di clausura; e una parte bassa, che per ragioni pratiche, era abitata dai padri conversi, che avevano il compito di curare i rapporti  con l’esterno ed amministrare i beni dell'ordine e che per questo abitavano in celle che davano su un cortile privato, detto chiostro dei Procuratori. Anche la chiesa rispettava questa suddivisione, c’era infatti una parte superiore, riservata ai padri, ed una inferiore, per i conversi. La chiesa a navata unica con volte a crociera ed archi ogivali che testimoniano la fondazione Trecentesca, per il resto il complesso venne più volte ampliato fino ad assumere stilisticamente un aspetto barocco. La cella del Priore era un vero e proprio appartamento di dieci stanze con locali di servizio, un archivio, l’accesso diretto alla biblioteca. Quest’ultima era ricchissima di volumi antichi trasferiti poi alla Biblioteca Nazionale di Napoli ed ha ancora uno splendido pavimento maiolicato attribuito a Giuseppe Massa. Esiste un chiostro grande costruito tra il XVI ed il XVIII secolo, lungo il quale si dislocano le ventiquattro celle dei monaci. Durante la dominazione francese e con la conseguente soppressione degli ordini religiosi, la certosa fu depredata dei suoi beni e furono allontanati i monaci. Cessata la supremazia francese i frati vi fecero ritorno, ma non riuscirono a farle rivivere l’antico splendore, tanto che nel 1866 fu chiusa definitivamente. Essa fu dichiarata monumento nazionale nel 1882 ed un secolo dopo fu affidata alla tutela della Sovrintendenza dei Beni archeologici, artistici e storici di Avellino e Salerno.


Indirizzo:
 
Viale Certosa, 1, 84034 Padula SA
 
Info:
 
Tel.: 0975 77552
 
Biglietto: 4€ intero | 2€ ridotto

 

Orari:
 
Lunedì
9:00 - 19:00
Martedì
chiuso
Mercoledì
9:00 - 19:00
Giovedì
9:00 - 19:00
Venerdì
9:00 - 19:00
Sabato
9:00 - 19:00
Domenica
9:00 - 19:00